VACANZE A BARCELLONA
Barcellona è il capoluogo della regione spagnola della Catalogna ed anche se non rientra tra le località della Costa Brava, vi si trova proprio a ridosso, divenendo, così, tappa fondamentale per tutti i turisti che trascorrono le proprie vacanze in Costa Brava.
Barcellona ha origini leggendarie, legate al cartaginese Amilcare Barca, padre di Annibale. Il turista che vuole visitare Barcellona si imbatterà in una delle città più vivaci d’Europa, che offre spettacolari manifestazioni di arte e cultura e allo stesso tempo una movimentata vita notturna. Barcellona ha conquistato una forte identità culturale, al punto che il catalano e non il castigliano (la lingua che noi conosciamo come Spagnolo) è considerata la lingua ufficiale, per cui frequentemente si incontrano indicazioni e tabelloni in doppia versione, prima in catalano e poi in castigliano.

Il clima di Barcellona è tipicamente mediterraneo, con inverni temperati ed estati calde,il clima è molto simile a quello delle zone marittime del Sud Italia. Dal momento che Barcellona è un vero e proprio centro urbano, fortemente industrializzato, i turisti amanti del mare potrebbero rimanere delusi se dovessero paragonare Barcellona alle altre località vacanziere della Costa Brava. Il mare di Barcellona non è tra i più limpidi d’Europa, ma è comunque piacevole e senza dubbio le sue spiagge offrono servizi e comfort ai turisti. In ogni caso, poiché le spiagge di Barcellona si trovano proprio in città sono sempre molto affollate.
La spiaggia di Barcellona si estende per circa 4 km di costa e si suddivide nella spiaggia di San Sebastian, Nueva Icaria (tra tutte la più attrezzata perché è nei pressi della città Olimpica), Mar Bella (adatta ai nudisti) e Nueva Mar Bella (la più bella), Bogatell, e Barceloneta (la più famosa).
Tutte le spiagge di Barcellona sono molto attrezzate per gli sport sulla sabbia, sono munite di bar, di vialetti e piste ciclabili. Inoltre vi sono centri di assistenza e di informazione per il turista e sono tutte facilmente raggiungibili sia a piedi, con la linea della metropolitana, sia in auto, data la presenza di ampi parcheggi.
Cosa visitare a Barcellona
Barcellona è ricca di monumenti e luoghi da visitare e ammirare, tra i più importanti e famosi vi sono:
-Rambla
Il nome è dovuto agli arabi che denominarono “Ramla” il torrente che scorreva a Barcellona. Adesso, invece, il torrente non c’è più e con il nome Ramblas si intende il viale più famoso di Barcellona, appena al di fuori del quartiere gotico, che ha inizio da Plaza Catalunya e termina a Plaza Colombo, prima di entrare al Port Vell. La Rambla è una strada a due carreggiate, separate da una vasta area pedonale. Ed è proprio su questo grande marciapiede che si svolge non una semplice passeggiata, ma un vero show per i turisti. Sulla Rambla si possono incontrare, oltre alle bancarelle ed i locali, anche artisti di strada, come i mimi, ballerini e musicisti.
-Parco della Ciutadella
E indubbiamente il parco più grande di Barcellona, un’oasi verde, dove fare picnic, rilassarsi sui prati, andare in bicicletta, fare passeggiate e remare nel laghetto. Molto bella è anche la fontana, un capolavoro architettonico. Il Parc de la Ciutadella è un luogo adatto ai bambini, dato che vi è persino uno zoo, ma è anche un luogo di importanza storica. Infatti il Parco della Cittadella sorge nel luogo in cui vi era l’antico quartiere de La Ribeira, completamente raso al suolo dall’esercito; inoltre, il parco ospita importanti edifici come l’ottocentesco Castello de tres Dragones, il Parlamento della Catalogna e il Museo di arte moderna.
-Barceloneta
La Barceloneta non è soltanto il tratto di spiaggia più famoso di Barcellona, ma è un antico quartiere della città spagnola. La zona è molto caratteristica in quanto presenta vicoli e stradine, che attraversano delle abitazioni colorate. Quelle case un tempo ospitavano i pescatori e i cittadini che abitavano nel quartiere de La Ribeira, che era stato appena distrutto. Accanto all’antichità di questi luoghi vi sono anche elementi di modernità delle opere d’arte contemporanea, come il gigantesco pesce in acciaio, realizzato da Frank Gehry, oppure le Torri del villaggio olimpico e le strutture del porto Olimpico, realizzato in occasione delle Olimpiadi.
-Barrio Gotico
Il quartiere gotico di Barcellona è il cuore della città moderna così come all’epoca era il cuore della Barcellona medioevale. Il quartiere ha conservato l’assetto urbanistico del castrum romano, sono, infatti, perfettamente visibili sia le strade tracciate in origine, sia le mura di cinta del quarto secolo, mentre il suo sottosuolo è ricco di reperti e fondamenta degli antichi edifici romani. Tra tutti gli edifici si evidenzia l’imponente cattedrale gotica, risalente al periodo tra il tredicesimo ed il quindicesimo secolo; anche l'interno si presenta molto solenne, ricco di decorazioni di stucchi in oro e opere d’arte di notevole valore. La Cattedrale di Barcellona è intitolata alle Sante Creu e Eulàlia, delle quali quest’ultima, martire per opera dei Romani, è anche la Santa protettrice di Barcellona. All’interno del Barrio Gotico si svolge la vita politica di Barcellona, data la presenza del Municipio e della sede del Parlamento catalano.
-Passeig de Gracia
E’ un grande viale alberato di Barcellona famoso per i negozi di classe e la presenza di due edifici realizzati dall’architetto Antonio Gaudì, le cui spettacolari opere sono parte integrante del patrimonio architettonico della città catalana. Si tratta di Casa Batllò e La Pedrera, capolavori di architettura davvero unici al mondo. Entrambi gli edifici sono piuttosto stravaganti, basti pensare che il tetto di Casa Batllò è caratterizzato da una coda di drago, mentre tutto l’edificio è formato da un insieme di curve e di linee morbide con l’assenza totale di spigoli o linee rette. I soffitti sono rappresentati da archi stretti e persino le scale sono curvilinee. La Pedrera, invece, ha la particolarità che il suo esterno sembra essere realizzato interamente in pietra da cui ne deriva il nome (Pedrera significa cava). Entrambe la case possono essere visitate all’interno, dietro pagamento di un biglietto d’ingresso.
-Parc Guell
Il progetto, di Antonio Gaudì, nasce come città - giardino, ma data la carenza di fondi per realizzarlo, vennero costruite soltanto due delle sessanta case previste. In ogni caso Parc Guell si presenta come una sorta di luogo fiabesco, dove le case hanno i muri di pan di zenzero, mentre i tetti sono coperti da frammenti di ceramica, che attraverso una composizione creativa realizzano un mosaico policromo. Nel parco vi è il famoso Drago di Gaudì, oltre a fontane, arcate ed una panchina ondulata che vista in prospettiva crea un serpente lungo 150 metri.
-Sagrada Familia
E’ l’opera incompiuta del famoso Antonio Gaudì. Un capolavoro di sculture e decorazioni e imponenti guglie che si innalzano al cielo, che impressionano fortemente chi le ammira. La Sagrada Familia può essere visitata all’interno, ma la presenza di gru e dei lavori edili in corso tolgono molto alla sua fantastica architettura. Una fondazione infatti si sta occupando di terminare l’opera del maestro catalano rispettando integralmente disegni e progetti originali… la fine dei lavori è prevista per il 2020!
-Parco de Montjuic
è la parte alta di Barcellona, che si presenta come una cittadella della cultura e dello sport. Nel Parco de Montjuic sono presenti musei, un’antica fortezza militare, oggi sede del museo delle armi, uno stadio Olimpico e viali alberati. Il parco è raggiungibile tramite la funivia ed è ben collegata da un efficiente servizio di autobus. Fiore all’occhiello del Parco è la Fuente Magica, una fontana che si accede soltanto di sera e dalla quale fuoriescono spruzzi d’acqua alti 15 metri, accompagnati da un suggestivo gioco di luci e musiche.
 
Torna alla pagina principale: Vacanze in Costa Brava
 
 
Condividi: